In rampa di lancio la 14^ edizione del grande festival della musica live

La data da segnare è sabato 7 luglio. Tutto il centro di Montecchio coinvolto nell’evento

La data da segnare quest’anno è sabato 7 luglio. Torna infatti l’evento dedicato alla musica live, imperdibile per appassionati e non: Montecchio Unplugged, giunto alla 14^ edizione. Una nuova serata pronta a regalare esibizioni di alto livello attraverso il Festival della Musica di Strada di Montecchio Emilia (RE). Ancora una volta Montecchio Unplugged è promosso da Comune di Montecchio Emilia, organizzato da Arci e Kaiti expansion, in collaborazione con Circolo Arci Bainait e diverse associazioni locali, e con il sostegno del Centro Acquisti La Terrazza.

Per l’occasione il paese si trasformerà in un grande palcoscenico sotto le stelle, sul quale si esibiranno musicisti, artisti e performer proponendo decine di spettacoli gratuiti. Un evento straordinario di “musica da vivere”, nell’atmosfera coinvolgente che storicamente caratterizza questa grande proposta artistica.
Sull’iniziativa afferma il Sindaco di Montecchio, Paolo Colli: “Non è affatto scontato riuscire a riproporre una manifestazione articolata e diffusa come Montecchio Unplugged, per quattordici edizioni, e in particolare quest’anno in cui si è aggiunto un ulteriore grado di complessità legato alle nuove normative sulla sicurezza. Ma davvero ormai questo appuntamento è diventato immancabile per tantissimi appassionati, che hanno voglia di stare insieme e di riconoscersi in un linguaggio comune, quello musicale appunto, che supera differenze di provenienza e di cultura, mostrandoci come un incontro sia sempre possibile. A favorirlo ci sarà anche l’ambientazione unica del centro storico di Montecchio, le sue caratteristiche artistiche e anche sociali, la vivacità degli esercenti e della comunità che vive con gioia questa manifestazione”.

I gruppi che animeranno la 14^ edizione di Montecchio Unplugged rappresentano davvero molti generi musicali diversi, e proprio la varietà della proposta, da sonorità rock classiche al folk, da suoni etnici di paesi lontani alla club music più moderna, rappresenta il “marchio di fabbrica” della manifestazione. Special guest di quest’anno sarà il Kone Trio, gruppo di Kalifa Kone, tra i più quotati musicisti del Mali a livello internazionale, grazie a una pozione afro/jazz/blues, ricca e sorprendente, che percorre l’Africa dai suoni ancestrali fino alla musica contemporanea. Kalifa ha collaborato con altri importanti esponenti della musica maliana coma Babà Sissoko e Salif Keita. Suona il kamele’n’goni e l’arpa maliana a 6 e ad 8 corde più vari tipi di percussione fra cui il talkin’drum. Proviene da una famiglia di griot, ovvero gli storyteller delle zone rurali.
Tra gli altri gruppi e artisti presenti, figurano gli Acusting Trio, cover band rock-pop composta da voce, chitarra e basso con brani internazionali dagli anni ’70 a oggi, rigorosamente in acustico; Aliherby, duo siculo (lui) – veneto (lei), composto da Angelo Aliberti (pianoforte) e Paola Herbertson (violoncello); Echoes, una proposta quasi sperimentale con loop di chitarra e beat box per un repertorio che spazia dai classici del trip hop al pop; Andrea Fornari, compositore, cantante e polistrumentista, nato e cresciuto a Torino, la cui musica è un mix di indie-folk difficile da etichettare; Erin, quartetto bolognese che propone sonorità fuori dagli schemi, dall’afrojazz al funk; Fabrizio Frabetti, cantautore con la passione per le storie, che ama giocare con le idee e sperimentare il linguaggio della musica; Fusiòn Flamenca, una raffinata proposta di musiche flamenche, jazz e crossover; Giacomo Bigoni, chitarrista classico poliedrico, che presenterà il suo ultimo lavoro discografico Extreme Guitar Solo; Glorious Singers, coro gospel composto da 15 donne nigeriane, diretto da Jennifer Orhue, che propone un repertorio tradizionale africano e non solo, percussioni e danze ad accompagnare le voci;In Viaggio, gruppo che propone vari stili del repertorio jazz, dal songbook americano a brani bebop; Jedbalak, tra Ganza beats & Moroccan’Roll, un concentrato di energia cinetica che coinvolge in un ballo liberatorio; Komorebi Duo, piano e percussioni per spaziare, con originalità, dalla musica scritta a quella improvvisata di compositori del ‘900; Lorenzo e Alex, due anime, una rock e una pop, che si incontrano per una sessione acustica ricca di arrangiamenti originali; Magnesium, band che interpreta grandi brani dal pop al blues, di autori quali Steely Dan, Cream, Eric Clapton; Mâtilde, collettivo di musiciste reggiane, provenienti da band ed esperienze diverse (rock, pop, jazz, classica); Plastik 2, gli anni ’80 raccontati in acustico, con Francesca Bargellini (voce) e Franz Boni (contrabbasso); Ruby Fomentini Trio, un ritorno a Montecchio Unplugged con i repertorio standard jazz proposto da Ruby Formentini (chitarra), Riccardo Aldini (voce e chitarra) e Raffaele Cimmino (valve trombone); T.A.B.S., Rock Blues Band con repertorio che si avvicina anche al Country Rock, con cover soprattutto dei Creedence Clearwater Revival e degli Eagles, ma anche Springsteen, Rolling Stones, America.
Ci sarà anche una proposta musical-teatrale dedicata ai bambini, e ai grandi che sanno sognare: “Sirene dal cappello”, sulla figura del compositore francese Erik Satie, che visse a cavallo tra Otto e Novecento, un personaggio bizzarro, delicato, misterioso. Lo spettacolo lo tratteggia in bianco e nero, come le note di un pianoforte.
Via Veneto ospiterà anche un Microfestival, con la resident band dei Terrible Wings of Democracy, dalle sonorità stoner, che si alternerà con Johnny Larosa artista fantasioso e versatile, istrione dalla voce calda e possente, compositore e chitarrista dallo stile originale.
La serata sarà animata anche dalla presenza di Artisti di strada, come Zero show (trampoli, bastone di fuoco e break dance) e Laura Colonna (giocoleria acrobatica, danza e teatro di strada).

Dopo le esibizioni live del Festival, dalle ore 1.00 alle 3.00 ci sarà infine il dj set degli Emilia Soul Lovers nel giardino del castello medievale: uno dei più longevi staff italiani di Djs di musica Soul, R’n’B, Brit Pop, Madchester, Beat, Ska, Funky.

Non mancheranno i punti ristoro dove rifocillarsi in compagnia, i mercatini in paese, il mercatino vintage e handmade, il mercatino artigianato artistico ed etnico. In tutto il centro storico distese estive, negozi aperti e gastronomie.

0

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close